Teatro Due Mondi - Casa del Teatro - Comune di Faenza
Progetto Interregionale di Residenze Artistiche realizzato con il contributo di MiBACT e Regione Emilia Romagna

UN TEATRO VICINO
programma pdf


domenica 4 febbraio 2018 ore 16
Armamaxa Teatro ROBIN HOOD per ragazzi
di e con Enrico Messina e Giuseppe Ciciriello
disegno luci Fausto Bonvinir
regia Micaela Sapienza
produzione ARMAMAXA teatro/Coop. ARCHELIA e TEATRI ABITATI, Residenza Teatrale di Ceglie Messapica

Robin Hood di Sherwood, il fuorilegge per antonomasia, è forse l’unico personaggio della cultura europea che sia riuscito ad attraversare con perfetta naturalezza, e non senza qualche trasformismo, tutti i mass media che si sono succeduti dal Basso Medioevo fino ad oggi: dalla tradizione orale dei mercati e delle fiere fino al villaggio globale della comunicazione televisiva e cinematografica. Ladro e brigante, bandito e gentiluomo, il “miglior arciere d’Inghilterra” diventa, nella tradizione delle ballate popolari, la figura di colui che si ribella alle ingiustizie sociali e alle prepotenze dei dominatori. Brigante e paladino insieme, offensore dei ricchi, dei potenti e dei proprietari terrieri titolati, Robin è dunque dalla parte dei contadini e dei pastori: “ruba ai ricchi per dare ai poveri”. Difensore del popolo angariato dai potenti o più semplicemente coraggioso furfante che ignora i vincoli del diritto, Robin incarna in sé l’aspirazione universale dell’uomo alla libertà. Le sue gesta sono la ricerca, se non l’affermazione, di una dignità umana che riscatti una vita marginale e degradata. Raccontare la storia di Robin Hood offre, dunque, l’occasione di porgere ai bambini un messaggio semplice ma di valore universale. Il suo fascino antico è tutto da riscoprire ed è sempre attuale, come vive ed attuali sono le ragioni antiche e umane che ne stanno alla base.
Con i “modi” di un teatro essenziale e un po’ d’altri tempi, fatto di scene povere costruite con materiali semplici, e luci senza “effetti”, i due attori parlano ai bambini con il linguaggio del racconto per riavvicinarli alla dimensione dell’ascolto; evocano la storia di Robin e, come cantastorie da piccolo borgo, la trasformano, la inventano e ci giocano, se la cuciono addosso e ci si ritrovano dentro “bambini” impegnati ad arrampicarsi sugli alberi proprio come Robin Hood e il suo compagno Little John.
C’era una volta un famoso bandito che si sforzò di diventare qualcos’altro… e un bambino che decise di salire sugli alberi per sottrarsi alle ingiuste leggi del mondo dei grandi e guardare il mondo da lassù, stringerlo tra l’indice e il pollice della sua mano, metterselo in tasca e portarselo via.

Armamaxa è parola di origine greca che vuol dire “carro”. L’Associazione trasporta i progetti teatrali dei suoi componenti che si riconoscono in un teatro necessario e umano fatto di passione, tempo e ricerca. Dal 1998 la Compagnia ha fondato la propria poetica sulla ricerca del legame tra oralità, movimento, ricerca sociologica, costruendo un percorso culturale e artistico fortemente legato al presente, in cui etica ed estetica non sono separate e la cui motivazione originaria è da ricercare proprio nel dialogo tra arte e società. Così sono nati progetti e spettacoli come Braccianti, Mammaliturchi, Orlando, Orecchiette, Principesse, Robin Hood e Racconto d’Oltremare (per il pubblico dei ragazzi), 1981 All’inizio dell’era del godimento, La Diritta Via: la Costituzione e Dante Alighieri senza distinzione di razza né lingua (scritto con l’ex magistrato Giuliano Turone), Croce e Fisarmonica, racconto teatrale dedicato a Don Tonino Bello vincitore della III° Edizione dei Teatri del Sacro, e nel 2014 alla coproduzione di Capatosta lo spettacolo del Crest di Taranto dedicato alla “questione Ilva” scritto e interpretato da Gaetano Colella, con la regia di Enrico Messina. Nel 2016, in occasione della XIX Ed. del Maggio All’Infanzia, debutta a Bari la nuova produzione per ragazzi e famiglie della compagnia ispirata alla celebre fiaba di H. C. Andersen: La Regina delle Nevi, piccola operina rock progetto di Enrico Messina e Giuseppe Ciciriello, che è in scena con Deianira Dragone, la regia di Enrico Messina e l’elaborazione della musica dei Led Zeppelin di Mirko Lodedo.
Dal Luglio 2008 Armamaxa teatro ha trovato casa nel Teatro Comunale di Ceglie Messapica dove cura la direzione artistica della rassegna di Teatro per le Famiglie IL POSTO DELLE FAVOLE, della rassegna di Teatro per le Scuole, delle rassegne di teatro serale TEATRO A TUTTI I COSTI e SUL PALCO.


Anche quest’anno riproponiamo una forma di relazione “attiva” con gli spettatori, per cui chiediamo di non pagare un biglietto, ma di contribuire in maniera volontaria dopo la visione dello spettacolo, come segnale di consenso e di vicinanza, un regalo, non un obbligo.
Visto che i posti sono LIMITATI consigliamo di prenotare allo 0546 62 29 99 o sul sito www.teatroduemondi.it o il giorno dello spettacolo al 331 1211765.
Per info e iscrizioni ai laboratori chiamare Alessandro al 349 67 53 326.